giovedì 1 ottobre 2009

AUTUNNO DI CAMBIAMENTI.

Ma io sono davvero cambiata!


Me ne rendo conto ogni giorno,anche solo parlando con le colleghe. C'e n'è una in particolare cui voglio molto bene ma che sta sempre a lamentarsi della scortesia o delle battutacce o della cattiveria di certe risposte che riceve da altre colleghe (alcune delle quali, bisogna dire, sono stronze la parte loro).


Io mi trovo a risponderle frasi sagge e filosofiche come "ma dai che ti importa, lascia perdere, quella che vive peggio è lei, non badarci, non te la prendere" e tutta questa serie di luoghi comuni che, di fatto, direi comunque... ma 'stavolta mi rendo conto che ci credo davvero.


Non mi arrabbio, non mi inalbero, non mi innervosisco. Una risposta mal data, una cattiveria gratuita, non hanno peso nella mia vita, non la cambiano di una virgola, per cui.. panta rei. Relaziono alla perfezione con queste colleghe stronze, butto là una battutina ogni tanto, e stronco le loro con l'ironia.. ma senza peso, senza incazzarmi come avrei fatto una volta. Una specie di "non ti curar di lor, ma guarda e passa". E se mi parlano alle spalle, amen. Vivo uguale.


Sto in questa specie di nirvana emotivo, e ci sto da dio. Stesso discorso per il lavoro. Ho chiesto il part time (si, l'ho chiesto, e sono cautamente ottimista...), e so che questo significa togliere alla mia vita professionale il peso che ha avuto finora... ma chissà com'è mi sento libera e leggera come una goccia d'acqua.


E così mi è venuto in mente il maestro Sun. O meglio, una sua moderna discepola, Chin-Ning Chu che ha scritto un libro intitolato "L'arte della guerra per donne" la cui lettura consiglio caldamente a tutte e che tratta di come applicare i principi del Maestro Sun nell'ambito lavorativo, per ottenere i riconoscimenti, le promozioni e più in generale quanto una donna sente di meritare ma che per varie ragioni non riesce ad avere dal punto di vista professionale. Ho applicato quei principi e mi hanno dato buoni frutti.


Ma Ching-Ning Chu ad un certo punto dice che avere successo non significa necessariamente diventare General Manager di qualcosa. Che ad un certo punto si può anche rendersi conto di NON volere seguire quella strada, di preferire perseguire altri obiettivi. Una donna di successo dunque non è quella che comanda, ma quella che segue il suo proprio tao, ossia la sua "retta via", ovunque porti.


Io dico: no, grazie. Preferisco dedicarmi ad altro. Preferisco vivere la mia vita diversamente. Preferisco alimentare un lupo e non l'altro. HO DECISO di smettere di vivere sempre in guerra con qualcuno o contro qualcosa, in ogni ambito. Ho smesso di sentire il bisogno di dimostrare di essere all'altezza. Il potere di smettere è mio, oggi. Lo dico, e  finalmente lo credo anche.


Dunque, sono vincente.

7 commenti:

  1. brava bambolotta, sei saggissima
    se ci riesci, a mantenere questo stato di cose, ti faccio pure una standing ovation, guarda!
    io a casa ho l'arte della guerra, non sapevo ci fosse anche quella per donne! chissà se lo sa gp... mo' glio' chiedo
    senti, ma.... allora? sto part-time????? te lo da o no????

    RispondiElimina
  2. utente anonimo2 ottobre 2009 08:45

    boooooohhhh????

    La puff slogged

    RispondiElimina
  3. utente anonimo3 ottobre 2009 14:48

    Brava PP, queste si che sono parole sagge! corro a comprare il libro, visti i tempi ce n'è bisgono anche da queste parti...( tu già sai)chissà che non ce ne sia uno anche per i signori maschietti..aiuterebbe, cavolo se aiuterebbe...
    baci, MRU

    RispondiElimina
  4. oddio, se non fossi sul lavoro, giuro che mi metterei ad applaudire e far la ola!

    RispondiElimina
  5. TE NON SEI SOLO VINCENTE, SEI UNA GRANDE!!!! IO CREDO CHE CI SI POSSA SOLLEVARE AL DI SOPRA DI TUTTE LE SENSAZIONI CHE VOGLIAMO EVITARE. bASTA COMPRENDERE CHE NON DIPENDE DAL COMPORTAMENTO ALTRUI LA NOSTRA RABBIA O DELUSIONE O NERVOSISMO...MA SOLO E SOLTANTO DAL FATTO CHE DAI COMPORTAMENTI ALTRUI CI LASCIAMO "FERIRE".

    RispondiElimina
  6. beata te che riesci ad essere così calma...io quando ero a lavoro scleravo di matto..ora che sono disoccupata da 13 mesi sclero xkè nn ho un euro!!!

    RispondiElimina
  7. ma sono proprio felice. un ip ip urrà!!!!

    RispondiElimina