lunedì 20 aprile 2009

PARIS EST TOUJOURS PARIS!

Beh, ragazzi, che dire.


Parigi è sempre Parigi, anche con la pioggia e il vento.


Sono reduce da un we con mio marito, rigorosamente spargolati, nella più bella città del mondo (una delle più belle, via) e anche col brutto tempo non perde il suo fascino.


Sabato mattina siamo stati al Louvre. Dato che diluviava, contavo di farci un bel giro, ma il GG non è tanto da turismo "al chiuso" così ho visto le cose che mi interessavano piuttosto di corsa.


Ma porca miseria... che belle! Ho una passione per Leonardo, e anche se la Gioconda è probabilmente il quadro più famoso del mondo, non era quella che mi attirava. Il Louvre ospita due ritratti di San Giovanni Battista, una delle versioni della Vergine delle Rocce ed un quadro raffigurante Sant'Anna, la Madonna e Gesù. (che detto così, sembro la persona più pia del mondo, eh?? ahahahah!!)


                             


 


Ecco i due San Giovanni Battista. Il primo è stra-famoso, il secondo meno ma sono tutti e due fantastici. Il viso è il medesimo, ma quello che ti colpisce è l'espressione beffarda che il Maestro mette negli occhi dei suoi Giovanni... che hai da sfottere, verrebbe da chiedere, cosa voi dire con quel dito? Domande che migliaia di studiosi si sono posti e alle quali  non avremo mai una risposta... ma ammirare questi capolavori dal vivo è un'emozione unica.


Un'altro che mi è piaciuto da matti è ancora a tema religioso (nel rinascimento, solo Cristi e Madonne dipingevano....), ed è un'opera di RAffaello. E' questa:



Colpisce perchè l'iconografia della madonna è moltoparticolare, vestita di rosso e verde (mentre di solito è azzurra e bianca) e poi con uno sguardo così umano, contrapposto all'aspetto mistico e ascetico che pittori di ogni tempo le hanno tributato.


La Nike di Samotracia (solo i francesi possono chiamarla Victoire, mentre tutto il mondo la chiama Nike!) è una roba inarrivabile... non fosse perchè è senza testa, parrebbe pronta ad alzarsi in volo da un momento all'altro:



Purtroppo, vista la smania di uscire del GG, non ho fatto in tempo a passare a salutare ne la Venere di Milo, ne Amore e Psiche...


Poi, il giro classico: Notre Dame, Sacre Coeur e Montmartre.... con pranzo nel caratteristico quartiere di Saint Germain des Prés - Saint Michel.


Trovandoci in zona, sono anche passata a vedere Saint Sulpice...   chiesa resa famosa da Dan Brown nel suo Codice Da Vinci. Non che io sia una fanatica complottista, ma eravamo davvero ad un tiro di schioppo. Purtroppo devo dire di aver avuto una forte delusione: La chiesa cade a pezzi, stanno ristrutturando l'esterno ma l'interno è molto mal tenuto, i dipinti si scrostano e le vetrate hanno persino qualche buco. Peccato.


Domenica per fortuna la pioggia ci ha dato tregua, e abbiamo quindi potuto passeggiare per Parigi in tranquillità, curiosando da varie parti. Abbiamo cominciato dall'Etoile, per proseguire sugli Champs Elysèes, giù giù fino a Place de la Concorde con il suo obelisco e le sue grandi fontane, e poi i giardini delle Tuileries. Poi di nuovo verso Saint Michel per il pranzo e nel pomeriggio, la zona della Tour Eiffel (che avevamo visto sabato sera avendo cenato in uno dei ristoranti della torre) che volevo vedere bene di giorno perchè Ric ci aveva chiesto di riportargli delle fotografie.


     


Tutto splendido, come lo ricordavo (ero stata a Parigi circa 20 anni fa... anche 22) Peccato non aver potuto salire sulla torre di giorno, (ore e ore di coda....),  ma del resto la foschia portata dalla pioggia non avrebbe consentito comunque la splendida panoramica che ci si aspetta di vedere da lassù.


Il sole ha deciso di uscire nel momento in cui entravamo in aeroporto, ieri alle 17.00, per il volo di rientro.


Che sfiga!


5 commenti:

  1. io il post parigino lo leggo!!!

    RispondiElimina
  2. Che bellooooooo!!!Io spero di andarci quest'estate...e al Louvre mi ci pianterò minimo un giorno intero...sbav...

    RispondiElimina
  3. si, ma MINIMO un giorno, Jan!

    Elisa: si, è comparso... mah!

    RispondiElimina
  4. ahhh ma dai, eri a st. michel e non hai visto il biondino? altro che nike (o victoire che dir si voglia... cosa possiamo aspettarci da un popolo che il computer lo chiama ordinateur?)
    quel dommage!!!!

    RispondiElimina
  5. non l'ho visto. ho guardato, eh?? ma non l'ho visto.

    dommage! :D

    RispondiElimina