sabato 10 maggio 2008

QUESITO ETICO

Sapete tutti che è di questi ultimi giori la notizia che un noto cardiochirurgo pediatrico sia indagato per diversi illeciti relativi alla sua vita professionale e privata. Si va dal peculato alla truffa all'accusa ben più infamante - e badate bene, ammessa dall'accusato - di aver trattenuto una relazione con una tredicenne tramite scambio di materiale pornografico via cellulare.


Ho un dubbio squisitamente etico (nonchè alquanto teorico): deve andare in galera?


Occhio, non ho detto "merita" di andare in galera. Che lo meriti è evidente, essendo un pedopornografo reo confesso. Ma "deve" andarci? Dobbiamo mandarcelo?


Come mamma di ragazzini in età da essere molestati da pedofili, dico di si.


Ma se uno dei due fosse cardiopatico non ne sarei più tanto certa. Se mettiamo il geniale chirurgo M. in prigione, cosa diremo a tutti i bambini che NON salverà in futuro, e ai loro genitori?

3 commenti:

  1. che domandine digeribili, che fai...
    penso sia da mettere in galera, comunque. ci sono sicuramente altri cardiochirurghi altrettanto bravi.
    e ti parlo anche da madre di sedicenne... a tredici anni sono delle bambine, pensano di essere delle adulte e fanno delle grandi cazzate (non la mia, per fortuna), e quelli come il noto cardiochirurgo si approfittano vergognosamente dell'immaturità delle ragazzine che si comportano, spesso purtroppo sì, come delle poco di buono, ma sono pur sempre delle vere e proprie bambine, e come tali da proteggere.

    RispondiElimina
  2. utente anonimo20 maggio 2008 01:24

    in galera lui e la madre che sapeva.
    Buttando via la chiave
    Bibi

    RispondiElimina
  3. :-)
    Mia cara Bi, vorrei possedere la metà delle tue certezze!! :-)

    ti abbraccio
    A.

    RispondiElimina