giovedì 21 agosto 2008

HO BISOGNO DI UN SECONDO DI RACOGLIMENTO

Durante le testè trascorse vacanze al mare, il Genio Grande e quello Piccolo sono andati una sera ad assistere ad un concerto delle Vibrazioni nella piazza del paese.


Il Piccolo Genio è tornato da questa seratina "tra uomini" stanco e con un'aria da gatto-che-ha-mangiato-il-topo che ha solleticato pesantemente l'istinto della Puffola, che ha drizzato antenne e tutto, in attesa.


Dopo due giorni, non era successo nulla di rimarchevole che potesse in qualche modo aver a che fare con la sera del concerto, così le antenne sono rientrate, gli occhi si sono riallineati nel loro asse (prima roteavano modello Malocchio Moody) e l'istinto si è dato una rilassata, godendosi gli ultimi giorni di mare.


Ma il fuoco covava sotto la cenere, e con la certosina pazienza che, quando vuole, lo contraddistingue il Piccolo Genio ha lasciato sedimentare la cosa per settimane.


Tre giorni fa, il Piccolo Genio placca la Puff in cameretta, in un raro momento di solitudine, e con fare cospiratorio le dice:


- mamma posso chiederti una cosa?


- amore, ma certo!


- veramente ho già chiesto a papà ma ha detto che era troppo complicato...


(brivido lungo la schiena)


- vabbè, vediamo...


- volevo sapere: ma cos'è un vibratore?


Solo chi ha visto le miriadi di dati scorrere sui terminali della Nabucodonosor di Matrix può avere una vaga idea della velocità alla quale girasse il Puff-cervello a quel punto, alla ricerca di una risposta plausbile, non menzognera, e che possibilmente non comprendesse i concetti "coito" e "masturbazione". Alla fine della prima settmana di lavoro, la Puff non ce l'avrebbe fatta. Prende tempo:


- un vibratore? - chiede con tono innocente - e dove l'hai sentita questa parola?


- eh niente, sai, al concerto delle Vibrazioni a un certo punto il cantante ha detto di andare a comprare le magliette alla bancarella, e ha detto che c'erano anche i vibratori... ma cos'è sto vibratore?


La Puff ostenta un totale disinteresse per la materia al fine di renderla poco appetibile agli occhi del genietto e dissimulando il desiderio di assassinare il marito che porta un povero piccolo bimbo innocente in cotali luoghi di perdizione, risponde risoluta:


- un vibratore è un attrezzo a forma di banana, che vibra, appunto, e serve per fare i massaggi.


- massaggi DOVE?


(argh)


- dove vuoi, amore.


Sguardo perplesso e sospettoso


- e perchè papà ha detto che era complicato?


- mah, non so, forse era stanco.....


- ah ok. senti, scendiamo in cortile?


- volentieri. Prima vado un secondo in bagno...


Questa prova di autocontrollo ha richiesto alla Puff tutta l'energia che aveva a disposizione per la giornata. La Puff ha seriamente pensato di girare la chiave della porta del bagno e di non riaprirla per 3 ore.  Ha soprasseduto quando il Piccolo Genio ha iniziato a bussare insistentemente. E' uscita dal bagno col bisogno di fumare una sigaretta. Non necessariamente con del tabacco dentro.


7 commenti:

  1. sono esplosa in una risata in ufficio.
    menomale che sono sola.
    io vi adoro,famiglia della Puffola,sento sempre più impellente il bisogno di un incontro vulcanesco...
    besos

    RispondiElimina
  2. MA TESORO BELLO, BASTA DIRLO!!

    :-)

    A.

    RispondiElimina
  3. beh il we butta acqua.... cosa di meglio di un giro al centro commerciale?? :-)

    RispondiElimina
  4. spesso capita che i bambini ci facciano domande che un pò ci mettono in imbarazzo a me succede adesso con il più piccolo ma cerco di dargli comunque una risposta esauriente.

    RispondiElimina
  5. io il tuo cell ce l'ho,ma tu il mio ce l'hai?così quando sei in zona,nel caso,mi fai uno squillo e io arrivo al volo!(faccio volentieri una pausa visto che sto wend me tocca risistemare casa e fare pulizie manco fosse PAsqua...ti dico solo che ho ancora in giro le cose del matirmonio..)

    RispondiElimina
  6. Complimenti vivissimi per la tempestività:)
    Io sarei rimasta lì a bofonchiare:D

    RispondiElimina